Amore d’altri tempi…

Standard

Il Cielo ha messo sul mio cammino tante Maestre e Maestri di cui una proprio in casa mia. Mia nonna Valentina, nata proprio il giorno di San Valentino della cui storia oggi vi parlo, perchè insegna a me, ma credetemi anche a voi, concetti semplici ma basilari che stanno alla base del vivere felici ma soprattutto dell’Amore.

Valentina è nata povera, povera che noi oggi non immaginiamo neanche, povera che non aveva neanche le scarpe per cui una delle attività serali era togliersi sassolini e spine da sotto i piedi. Quella povertà fatta di niente, dove i bambini frequentavano la scuola a volte sì a volte no, quella povertà dove per mangare di andava “alla carità”, dove si poteva ancora ricevere un barattolo di crauti.nonna-2

Valentina racconta con gli occhi lucidi di emozione quando si fermavano sulla via del ritorno a contare i soldini che avrebbero portato a casa dalla loro mamma…

Non c’è un segno di rimprovero sul suo volto, era semplicemente normale portare a casa i soldini alla mamma che li avrebbe usati per la famiglia. Nessuno si sognava di tenerli per sè, ognuno contribuiva semplicemente al benessere di tutti.

Crescendo la guerra entrò nella quotidianità, ognuno faceva del suo meglio, uno dei fratelli venne fatto prigioniero e Valentina, molto fedele, seppe subito a chi doveva chiedere: “alla Madonna di Monte Berico”.

Ecco perchè affrontò a piedi per nove domeniche di fila la strada per andare a Messa alla Madonna di Monte Berico a chiedere la Grazia…e il fratello tornò…

Quando Valentina si fidanzò con Giuseppe e decise di sposarsi, il fratello trovato a piangere in stalla, si porò verso il futuro cognato e seriamente gli disse:

“Vedi di volere bene a mia sorella, non farle venire I PENSIERI” che questa donna merita rispetto”, e così nonno Giuseppe ha fatto.

Vi riporto testualmente le parole di Valentina:

Quando sono venuta qui mi pareva di essere venuta in un castello, abitavano qui anche i miei suoceri e i fratelli di mio suocero. Io ho fatto del mio meglio per contribuire. Mi hanno voluto tutti bene. Quando è morta mia suocera ho trovato il papà di Giuseppe che piangeva perchè era convinto che io non lo avrei tenuto in casa con me, ma figuriamoci, io non lo avrei mai fatto. Questi mobili sono vecchi, Alessandra, ma per me sono bellissimi…io non avevo niente, non avevo il forno, non avevo la lavatrice. Io ringrazio Dio che mi ha dato la mia famiglia, cinque bravi figli. Mi spaventa il futuro, non per me, per voi. Io vorrei sapere che state tutti bene, ma vedo che i giovani oggi sono tutti infelici. Perchè hanno tutto e non sanno più che solo l’Amore ha valore. Puoi essere povero ma se ami le persone che stanno con te sei la donna più ricca del mondo. Questa vecchia casa è il mio castello e io sono la regina del mio castello e sono felice perchè tutti coloro che ho amato mi hanno amata. Sono solo triste per voi prego tutte le sere per voi, che la Madonna vi assista, non capite più che l’unico valore è l’Amore e buttate via la vostra vita…”

Le mie parole potrebbero essere superflue, ma vi sottolineo due concetti:

il concetto di servizio: contribuisco al bene di tutti e questo è anche bene mio. Questo concetto è praticamente sparito ed è alla base del dolore e della solitudine che impera in questa società malata. Inoltre il concetto di servizio non è che gli altri debbano servire me, ma che io dono me e mi metto a servizio del bene comune.

il secondo grande concetto IL MIO TEMPO, oggi noi abbiamo sicuramente altri obiettivi di coscienza rispetto la generazione di mia Nonna, lo sviluppo dei talenti è uno di questi, ma siamo passati dal sono solo a servizio, concetto di ieri, al sono solo al servizio di me stesso.

Oggi le persone non sono più disposte a donare liberamente il proprio tempo e la propria dedizione all’Amore. Ecco perchè non si riesce più a vivere la coppia e ovviamente è lo sfacello delle famiglie. Non c’è più il libero dono del proprio tempo. Donato per il bene comune che diventa il proprio bene. Oggi l’arroganza del PROPRIO DIRITTO, sta facendo scivolare nel dolore tanta gente, che inseguendo concetti effimeri si condanna all’infelicità.

Oggi più che mai abbiamo bisogno di ritrovare i valori che Nonna Valentina ha da insegnarci adattandoli a qesto tempo, certo, ma ritrovare la semplicità del “ci sono, eccomi, sono qui.”

E’ quello che urlano i nostri figli ai genitori, è quello che ci si chiede in coppia, tra gli amici: torniamo a dire sono qui. Ci sono.

CI SONO è la porta della felicità, mettersi a disposizione ritornerà tanto amore che nessuna difficoltà esterna potrà cancellare, come Valentina con il fratello, CI SONO, ti dedico 9 domeniche (andare a Monteberico all’epoca era un viaggio dalla Montagna) e lui l’ha ripagata proteggendola: “Trattala bene…”

Mia nonna oggi compie 95 anni e ha gli occhi sereni di chi si è saziata di Vita e di Amore

ieri mi ha detto come prega tutte le sere, io ho preso un foglio e ho trascritto, è una preghiera semplice, di una donna povera che ha donato la sua Vita all’Amore, e per questo se ne andrà tanto ricca:

“Madonna dell’Immaccolata Concezione, ti prego per tutti coloro che ho amato e che non ci sono più( e nomina tutti), ti prego per tutta la mia famiglia ( e nomina tutti), per tutte le persone che soffrono ( e nomina tutti quelli che sa) per me ti chiedo solo di lasciarmi un po’ di salute per farcela da sola, tienimi salda la testa, le gambe, gli occhi e le orecchie, così che io possa pregare ancora per la mia famiglia, ti chiedo di avere una buona morte e di lasciare un buon ricordo.”

…no comment…

Da oggi è attiva la campagna eppelà del progetto http://www.consulentidellanima.it

 

 

Annunci

»

  1. Grazie Alessandra, per questo toccante e Ricco Documento, inclusi i concetti!
    Mi tocca il concetto Tempo, Tempo-Amore… Non penso sia un fatto generazionale ma di carattere, di autoaffermazione rivolta verso chi sanno di non perdere comunque … Per le persone precarie il tempo-amore lo trovano,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...