Il senso di una previsione

Standard

palla-magica-300x336Che senso ha prevedere il futuro?

Cos’è la chiaroveggenza?

Partendo dal presupposto che tutto ciò che esiste in natura ha un senso, se una caratteristica umana esiste deve avere uno scopo previsto dal Disegno Divino.

La chiaroveggenza è quella caratteristica umana che permette ad alcune persone più che ad altre di vedere in avanti e indietro gli eventi nello spazio-tempo. Va da se che gli eventi del passato verranno visti con precisione molto alta, quelli futuri invece sono condizionati dal libero arbitrio. L’utilità di questa esplorazione deve essere sempre e solo quella di aiutare le persone a fare le proprie scelte con maggiore probabilità di riuscire ad andare verso la strada che la propria Anima ha tracciato per sè, non avrà mai il senso della sentenza che va a condizionare le scelte della persona.

La chiaroveggenza è una caratteristica naturale dell’uomo, non è una cosa innaturale, è una funzione come altre. Abbiamo dei sensi atti a farci percepire il pericolo imminente, il gusto che serve al godimento ma anche per distinguere ciò che può essere pericoloso ingerire e così via.

Solo che un certo tipo di cultura e l’uso illecito di alcuni saccenti truffatori hanno fatto scadere quest’arte di elevata natura a mezzo illecito di raggiro. Ecco perchè mi sono decisa a scrivere di questo argomento.

Partendo dl presupposto che le previsioni esistono da sempre e molte di esse sono diventate di uso comune (vedi le previsioni del meteo, si sta cercando di arrivare a prevedere fenomeni come i terremoti, le previsioni degli andamenti economici ecc…)

le previsioni della vita dell’uomo sono ancora un argomento controverso perchè influenzate da tantissimi fattori, prima di tutto l’influenza del consultante, poi la capacità del chiaroveggente di “allinearsi” e cioè di staccare la mente in modo da non immaginare e non fare associazioni, poi dalla capacità di porre bene le domande.

Il fatto è che la vita dell’uomo in realtà segue le stesse leggi degli altri componenti del Pianeta con la differenza che ha in più il libero arbitrio che aumenta le variabili.

Quindi una persona che in un dato momento della sua vita ha un’esperienza e dei vissuti di fronte ad un determinato avvenimento tenderà ad avere una ben definita reazione che provocherà una conseguenza.

Il fatto è che proprio i nostri schemi rendono prevedibili le nostre vite.

Vi faccio un esempio: se una persona ha un trauma da abbandono, tenderà ad incontrare uomini che magari prima sembrano presenti per poi dileguarsi o tirarsi indietro.

Tenderà quindi a diventare possessiva per impedire che si ripeta l’abbandono con la conseguenza che invece è proprio quello che tenderà a vivere.

E’ DESTINATA  a vivere questa situazione? Sì, finchè non ne prende coscienza e cambia il corso della propria Vita.

Più la persona non prende coscienza più la sua vita è prevedibile.

Il chiaroveggente può vedere in precedenza l’incontro con la persona e magari vedrà anche l’inizio della storia, il consulente capace di andare oltre dovrebbe avere la capacità di VEDERE subito lo schema ed aiutare la persona a cambiare il proprio atteggiamento.

A volte sapere che abbiamo una possibilità di scelta ci aiuta a cambiare il finale.

Facciamo un altro esempio prendiamo un ipotetica coppia Barbara e Marco.

Barbara e Marco hanno una relazione da 4 anni, Barbara chiede l‘evoluzione del rapporto da un anno ma Marco non vuole perchè teme la conseguente responsabilizzazione.

Marco è in chiusura rispetto la sua evoluzione. La sua Anima lo vuole vedere capace di diventare responsabile.

Barbara avverte Marco che si sta stancando, Marco non è nuovo a questo schema, non è la prima volta che lo fa.

Barbara è stanca ma in qualche modo è legata a Marco e continua a stare nella situazione.

Il Destino che tende a dirigere gli eventi in modo da obbligare le persone a prendere coscienza delle proprie esigenze interiori si intromette facendo conoscere una persona interessante a Barbara che usurata dalla stanchezza nel frattempo si sarà inconsciamente resa disponibile ad un nuovo incontro. Il Destino ha quindi provveduto.

A questo punto si aprono più possibili scenari:

  1. Barbara lascia Marco per Giovanni (il nuovo incontro) e Marco soffre perchè in realtà amava Barbara ma era indolente al cambiamento.
  2. Barbara comincia a frequentare Giovanni ma Marco, dopo la delusione amara del tradimento con la nascita di rabbia e rancore, capisce  e rettifica il comportamento andando a recuperare Barbara che nel frattempo ha pensato seriamente di lasciarlo. Si riparte però dal risentimento di lui e dall’incertezza di lei.
  3. Marco capisce prima dell’incontro fra Giovanni e Barbara che sta seriamente rischiando di perderla perciò rettifica il comportamento. Barbara conoscerà comunque Giovanni, proverà anche una certa attrazione, ma resterà solo nei suoi pensieri in quanto l’entusiasmo per il rinnovamento del rapporto con Marco l’ha totalmente distolta dall’idea inconscia di un nuovo rapporto.

Di scenari se ne possono aprire altri, tutti basati sulle decisioni deglia attori della storia.

La cosa prevedibile è l’incontro tra Barbara e Giovanni che un chiaroveggente può vedere, ma come finisce la storia dipenderà dai protagonisti.

Come potete capire dal racconto il Destino tende ad offrire a Marco la possibilità di aprirsi dal suo stato di chiusura attraverso una “leva” ovvero uno stato di forzatura che impone a Marco una scelta.

Altro possibile scenario è che Marco, all’ingresso di Giovanni si faccia da parte senza lottare per paura del confronto chiudendosi in uno stato vittimistico e procurandosi comunque uno stato di perdita.

In questo caso la bravura del consultante sarà proprio quella di indirizzare il consultante verso la conoscenza delle sue possibilità in modo da aiutarlo a capire come è meglio agire per il suo bene.

Altro esempio con la previsione astrologica: sapere che in un determinato periodo le finanze non sono favorite farà sì, per esempio, che eviterò di investire in nuovi lavori, tenderò a preservare ciò che ho.

In pratica la previsione dovrebbe aiutare a fare meglio le proprie scelte, rispettando sempre il libero arbitrio e cercando di capire cosa in quel periodo è utile vivere e cosa no.

Una sorta di navigatore della coscienza che aiuta a vedere quali vie si possono percorrere per arrivare alla meta prefissa, ma non entra nello specifico del come le percorrerò. Sarà una sorta di indicazione di massima da seguire sempre facendo i conti con il proprio sentire.

Nessuno mi vieta di andare al mare se piove, ma se ci andavo per prendere il sole magari ci andrò la settimana dopo.

La previsione non ha molto senso a lungo termine in quanto la forbice di possibilità si amplia troppo e il rischio di fare supposizioni inutili è altissimo.

A breve termine invece può aiutarmi a far luce dove c’è troppo buio e ad evitare di sbattere su intoppi che potevo evitare cambiando prospettiva.

La chiaroveggenza è l’arte che serve ad aiutare a vedere meglio ciò che si sta predisponedo di fronte a noi e a scegliere come attrezzarsi per affrontare il percorso.

E’ come leggere una guida turistica prima di andare a visitare un luogo. La lettura non sostituirà il viaggio, ma aiuterà a scegliere i posti da vedere, i luoghi da evitare, i comportamenti da tenere.

Il senso è questo, oggi mi sentivo di scriverlo perchè è giusto ridare dignità ad una disciplina che è ormai stata banalizzata che invece ha un suo valore.

 

 

Annunci

»

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...