La grande luna e il valore dell’intuito

Standard

LUNA NUVOLEQuesta strana estate ci ha regalato una grande luna tra le nuvole, difficile da scorgere, perchè coperta e perchè per star fuori si doveva affrontare freddo e pioggia.

Mi rendo conto che ancora una volta la natura si limita a raccontarci come siamo noi in questo momento.

Ho raccontato la storia di Mara e Tawa in un precedente articolo, se vi ricordate per vedere Dio serviva uno specchio e questo specchio è la donna. Lo stesso vale per la luce del Sole, non possiamo fissarla se non per un attimo, altrimenti rischiamo la cecità. La Luna, invece, ci chiama a guardarla per ore…

La Luna ci persuade a capire Dio, non ce lo impone. E’ la voce dell’inconscio. L’inconscio ci parla continuamente della nostra natura divina, ci racconta i nostri veri desideri. Eppure, come la luna di queste sere, nonostante la sua luminosità fatichiamo a scorgerla. Sono tempi difficili, ma non per la crisi, perchè mai come in questo periodo si è chiamati a cominciare ad interpretare la nostra autenticità ma i nostri meccanismi ci hanno talmente allontanato dal nostro inconscio da rendercelo indecifrabile. E posso io fare corsi di tarocchi per insegnare a non raccontarci più le frottole, la verità è che fatichiamo ad accettare quello che siamo chiamati a fare in questo momento: diventare adulti come individui e come società.

e_nero int 1

Questo è il profondo ed intrinseco significato della carta del mio mazzo con animale guida: la tartaruga.

Diventare adulti significa imparare a fare scelte bilanciando le ragioni del cuore a quelle del benessere collettivo, ma soprattutto imparare a fare scelte scomode e a pagarne le conseguenze.

Prima scelta scomoda: imparare a liberarci dalle sicurezze, e per noi che siamo i figli della corsa al benessere, della stabilità, della scurezza, questo passaggio è difficilissimo.

Ci siamo adagiati su stampelle di tutti i tipi: partner, lavoro, casa, religione, politica ecc. Oggi siamo chiamati ad alzarci sulle nostre gambe e ad esprimerci per ciò che siamo anche se questo comporta doversi arrangiare da soli, sopportare lo sguardo di disapprovazione, sentire la solitudine.

Siamo chiamati a compiere le prime azioni e per progredire, le prime azioni sono sempre di rottura. Non esiste un metodo indolore, basta con le assurdità, ogni cambiamento ha il suo carico di dolore. Anche se scegliamo “semplicemente” di appoggiare un azione per l’ecologia stiamo agendo contro gli interessi di qualcuno, magari di un nostro amico che lavora in quella fabbrica che produce l’inquinamento contro cui ci battiamo. E il nostro amico avrà famiglia, un mutuo ecc.

Allora che fare? Continuare a rimanere in questa situazione? No, le energie spingono per l’evoluzione quindi ogni nostra resistenza ci si ritorcerà contro. Non ci è più concesso indugiare. E’ tempo di azione!

Cominciare ad agire nelle nostre scelte personali è già un inizio, cominciare a tagliare rami secchi, a fare pulizia di ciò che stiamo tenendo in piedi solo perchè troppo difficile sopportare il peso della disapprovazione.

A volte si fanno promesse solo per non dispiacere qualcuno, promesse che nel tempo diventano macigni che mantenere in piedi ci pesano incredibilmente.

Cominciamo a fare pulizia di tutto ciò che abbiamo costruito sui sensi di colpa!

Ovviamente dovremo accettare il conto che ci verrà presentato e affrontare le conseguenze delle nostre azioni. E’ inutile lamentarci della Società, cominciamo a cambiare noi, la società cambierà di conseguenza!

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...