Saranno sì famosi – seconda puntata

Standard

Edifici-ecosostenibili3Nel giardino della Scuola di Arte e Natura sono raccolti gli studenti e gli insegnanti in attesa del discorso di benvenuto del preside Marcus.

Roy e Giacomo si dirigono verso i compagni che hanno individuato perchè hanno scorto Sarah. Sarah è una ragazza Irlandese simpatica e peperina. Piuttosto bassa ma ben proporzionata, viso lentigginoso contornato da capelli color rame, suona il sax ma l’anno precedente ha scoperto di essere anche una brava attrice.

-Ehi Sarah! Ti sono mancato?

-Sbruffone! Pensare di chiedere come stò è un optional?

-Oh, scusa tesoro.Come stai?

-Bene caro!- risponde la ragazza sorniona- E tu, CARO, come hai trascorso l’estate?- poi rivolgendosi a Roy e baciandolo- Ciao, Roy! Come stai?

-Cosa sono queste prefeneze?- risponde Giacomo.

-Sarah sa riconoscere un vero uomo!- anticipa l’amica Roy sottolineando il suo fisico con le mani.

-Benvenuti a tutti!- il microfono restituisce la voce del Preside Marcus che si mostra sul palco, il Preside ha ancora un bel fisico asciutto e atletico, ma l’età e i dolori gli hanno dipinto i capelli di bianco e segnato il viso di rughe che gli conferiscono un aspetto più serio allo stesso tempo affascinante. -Un saluto calorosissimo agli insegnanti, agli allievi che sono tornati e a voi ragazzi nuovi! Siate i benvenuti alla scuola di Arte e Natura! Anche quest’anno siamo qui a cercare di formare nuovi talenti. Talenti! Questa è la parola chiave di questo Istituto. Questa è una scuola meritocratica, si entra per merito e si prosegue per merito, nessuno vi supplicherà di studiare o di esercitarvi, il fatto che lo facciate sarà conveniente per voi perchè nessuno si sostituirà a voi nell’espletamento dei vostri doveri. Se siete qui è perchè volete diventare artisti ma l’arte non è spiegabile, non c’è un manuale od una scuola che vi darà le istruzioni per creare un’opera degna di questo nome. Noi possiamo solo insegnarvi il modo per ascoltarvi, per percepire i segnali che arrivano dall’esterno, il modo per stimolarvi ad esprimerli, poi vi insegneremo le tecniche usate da altri, ma badate bene, non sarà per eseguirle e basta, in questa scuola puntiamo a farvi diventare “creatori” della vostra realtà e ad esprimerla, ciò che hanno fatto gli altri deve essere per voi solo un allenamento, uno strumento di base per poi potervi esprimere in modo creativo. Vogliamo portarvi ad essere critici e ad aiutarvi ad esprimere il VOSTRO punto di vista, che può anche essere opposto al nostro.

Non voglio tediarvi con lunghi discorsi, la parte pratica delle informazioni vi verrà data dal dirigente di sezione, però prima di lasciarvi andare alla vostra area lascio la parola alla Vicepreside Thilde Wongridg.

-Ecco la Titti!- sghignazza Giacomo – Sull’attenti!

– Buon giorno a tutti cari ragazzi! – prende la parola la bionda professoressa Finlandese di mezza età, alta, massiccia ma ben proporzionata, viso marcato ma non troppo – Un benvenuto caloroso anche da parte mia, quest’anno la scuola vi proporrà tante novità, perchè noi chiediamo a voi di essere creativi, ma lo pretendiamo anche da noi. Perciò troverete corsi nuovi, professori nuovi e novità nella gestione della scuola che vi saranno illustrate nel dettaglio dal vostro dirigente di sezione, la novità che ci tenevo a sottolineare è la maggiore responsabilità che avrete nella gestione dell’Istituto, vogliamo che lo sentiate vostro fino alla fine, perciò sarete chiamati a collaborare direttamente per prendere decisioni e agire con noi per il miglioramento della Scuola, noi crediamo in voi, adesso dimostrateci che abbiamo ragione! Buon anno scolastico a tutti!

L’applauso sale dalla platea, poi i dirigenti raccolgono in gruppi distinti le sezioni.

-Ciao Roy!- saluta timidamente una ragazza dalle forme abbondanti, pelle olivastra e capelli scuri.

-Ciao Esmeralda! Come stai?

-Io bene, tu? Hai trascorso una buona estate?

-Come no?!? Ho fatto ballare tutte le pupe di Santo Domingo, sono qui per riposare! Ah, ah! E tu? Hai trovato il fidanzato?

-No, no! – si affretta a rispondere la ragazza – sai, sono satata un po’ occupata con i miei fratellini!

-Eh, no, ragazza! Ti devi divertire un po’ di più, ma non ti preoccupare, adesso sei qui, te lo troviamo noi un maschietto come si deve! Eh, Giacomo?

-Certo! Sono soprannominato il cupido di Sturia.

-Pensate di potermi seguire signori? O siete troppo occupati a tenere a bada le funs?- chiede il professor Javier, Argentino ballerino di tango, capelli neri, lunghi, naso acquilino, bocca sensuale l’oggetto del desiderio di tutta la scuola.

I ragazzi lo seguono scherzando, l’anno è cominciato, adesso dalle chiacchiere si passa ai fatti, alla Scuola di Arte e Natura non c’è tempo da perdere, i ragazzi vanno formati, l’entusiasmo è alto, le cadute sono tante e il lavoro da fare sull’Ego e sulla stima in sè stessi è infinito! Buon anno ragazzi! Fateci sognare!

Alessandra Barbieri

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...